floriterapia insieme


Vai ai contenuti

Menu principale:


Note di floriterapia

Floriterapia



APPUNTI di Floriterapia


I fiori di Bach sono stati scoperti dal dr.Bach che era negli anni '30 del secolo scorso, un immunologo molto apprezzato e che ebbe una grande intuizione, riportare in equilibrio i vissuti negativi delle persone, affrontando la cura guardando alla persona in maniera olistica.
Per il dr.Bach infatti la malattia è soltanto un momento di disequilibrio della totalità della persona, sia essa fisica, psichica, emozionale ed energetica.

Egli diceva:
"Ciò che noi conosciamo della malattia è un evento finale che si manifesta nel corpo come la risultante di una somma di forze che hanno agito a lungo in profondità. Anche se un trattamento di tipo materialistico è apparentemente efficace, esso non produce che un giovamento temporaneo se non viene rimossa la vera causa del male.
La malattia è essenzialmente il risultato di un conflitto tra l'Anima e la Mente e non potrà mai essere estirpata se non con un lavoro ti tipo spirituale e mentale."
Da guarisci te stesso di E.Bach

La floriterapia, quindi, è una terapia energetica che riesce, attraverso le essenze floreali a riequilibrare le emozioni negative riportandole in uno stato di equilibrio.
Apporta Virtù dove c'è "difetto".

Bach scriveva
"Per di più la malattia non colpisce una parte del corpo a caso, ma agisce secondo la legge di causa e di effetto e saperlo è di grande aiuto nella ricerca del rimedio.
Per esempio il cuore, fonte di vita e quindi di amore viene colpito soprattutto quando nell'indole del malato l'amore per gli altri è poco sviluppato o male orientato. Un male che colpisce una mano rivela carenza o difetto d'azione. Il cervello che è il centro del controllo denuncia se colpito da qualche affezione un difetto di controllo nella personalità."
Da guarisci te stesso di E.Bach

La floriterapia agisce come un diapason, in risonanza con l'emozione positiva, la favorisce e la rimette in accordo con la vera anima della persona.

Egli ripeteva spesso
"di voler rendere il pensiero della malattia semplice come il pensare :"Ho fame e vado in giardino a prendere le foglie per il tè oppure: "Sono spaventato e malato quindi prendo una dose di mimulus".
Da la vita e le scoperte di Edward Bach di Nora Weeks

Assolutamente senza controindicazioni.

Bach così diceva:
"Poiché tutti questi rimedi sono puri e innocui,non c'è da avere paura di somministrarli troppo frequentemente o in quantità eccessiva; invece ne basta una piccolissima quantità perché la sua dose sia efficace. Né un rimedio puo' dimostrarsi nocivo se non dovesse essere quello davvero indicato."
da i 12 guaritori e altri rimedi di E.Bach

Le essenze, sfruttando gli archetipi vibrazionali dei fiori riportano in armonia le dissonanze energetiche sia esse dovute a stress, traumi, emozioni e sentimenti.

I fiori di Bach sono 38 piu' il Resque remedy

  • 12 guaritori o fiori tipologici, essenze portatrici della lezione dell'anima di ogni persona;
  • 7 aiuti, essenze che ci accompagnano sia nella cronicità, sia nella trasformazione della personalità originale, che tutti noi, più o meno, subiamo per gli avvenimenti che ci porta la vita;
  • 19 spiritualizzati che sono l'emozione, il sentimento che viviamo in quel momento preciso.

Bach inoltre suddivise i 38 fiori in 7 categorie:

  • Per coloro che hanno paura
  • Per coloro che soffrono di incertezza
  • Insufficienza di interesse per il presente
  • Solitudine
  • Ipersensibilità alle influenze e alle idee
  • Scoraggiamento o disperazione
  • Preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri


Bach sosteneva che:
"...Desidero ricordarvi ancora che la terapia basata su tali erbe non necessità di alcuna conoscenza scientifica;non occorre sapere nemmeno il nome della malattia.Essa non ha alcuna importanza: ciò che importa è il paziente. Non importa ciò che il paziente ha. Ciò che deve essere curato non è la cosidetta malattia, poiché una stessa patologia può avere effetti diversi su persone diverse. Se gli effetti di una malattia fossero sempre gli stessi su tutte le persone, allora sarebbe facile conoscere il nome della malattia: ma non è così, e questo è il motivo per cui spesso in medicina risulta difficile dare un nome a un particolare disturbo di cui soffre un paziente."
Da guarisci te stesso di E.Bach

Compito arduo, per ogni amante della floriterapia è per prima cosa sperimentare su se stesso,

in tal senso Bach diceva:
"…Per trovare la pianta che ci può aiutare, dobbiamo trovare lo scopo della nostra vita, ciò per cui vale la pena affrontare gli ostacoli, e capire quali sono le difficoltà che costellano il nostro cammino. Chiamiamo queste difficoltà colpe o fallimenti, ma non dobbiamo preoccuparcene, perché costituiscono la prova che stiamo raggiungendo obiettivi più importanti: gli errori che commettiamo dovrebbero darci coraggio, perché indicano che abbiamo grandi ambizioni. Dobbiamo scoprire quale battaglia è particolarmente impegnativa, quale avversario tentiamo di sopraffare e quindi accettare con gratitudine la pianta che ci è stata inviata per aiutarci ad ottenere la vittoria ..."
Da libera te stesso di E.Bach




Home Page | Chi sono | Contatti | Floriterapia | Fiori di Bach | Fiori australiani | Fiori francesi | Fiori italiani | Fiori californiani | Galleria foto A/H | Galleria foto I/R | Galleria foto S/Z | Disegni-poesie-esperienze | LINK utili | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu