Vai ai contenuti

Vita di Bach

Fiori di Bach appunti


Edward Bach nasce il 24 settembre 1886 a Moseley, in Inghilterra, fin da bambino ama la natura e desidera aiutare gli altri, desidera alleviare le sofferenze degli uomini. Riesce ad esaudire la sua grande compassione e diventa medico. La medicina diventa la sua casa, grande e instancabile lavoratore ha una brillante carriera, ma nel giugno del 1917 gli viene diagnosticato un tumore, presumibilmente alla milza, viene operato d'urgenza con una prognosi negativa e senza speranza, aveva solo tre mesi di vita. Edward Bach non si arrende alla malattia, dedica tutto il tempo che gli rimane da vivere al lavoro a cui si dedica giorno e notte. Riesce  a superare quel terribile periodo e a sconfiggere, almeno per il momento il tumore, questa radicale esperienza lo porta a rivedere molte delle sue credenze, soprattutto in campo medico.
Sempre più lontano dalla medicina tradizionale che sentiva rigida e limitante comincia ad interessarsi (siamo nel 1919) a Samuel Hahnemann, padre dell'omeopatia, legge l'Organon e ne viene affascinato. Porta avanti così le sue ricerche, elaborando specifiche teorie. Lavora presso il e scopre dei vaccini "Nosodi", (usando il metodo omeopatico) che divide in 7 gruppi e riesce così a guarire molte persone affette da malattie croniche. (Questi vaccini si usano tutt'ora in omeopatia).

Non soddisfatto, inizia a cercare in natura alcune piante con le stesse caratteristiche dei suoi nosodi ma senza tossicità, piante pure, che portassero in sè proprietà solo benefiche.

Birmingham

Un aneddoto vuole che Bach ebbe la sua grande intuizione ad una festa, dove annoiato, cominciò ad osservare le persone riconoscendone caratteri comuni e gruppi psicologici. Da lì inizia la sua ricerca, cammina instancabilmente nella campagna del Galles alla ricerca di piante e fiori che potessero aiutare il temperamento, l'emotività dell'uomo, non la malattia in sé vista esclusivamente come sintomo. Dedica tutto il suo tempo allo studio dei fiori cominciando ad individuare i fiori del suo repertorio. Bach credeva nella potenza curatrice dell'omeopatia ma era alla ricerca di un metodo che partisse dalle piante con proprietà pure, senza alcun tipo di tossicità, cercava in natura la  virtù benefica delle erbe. Nel 1930, all'età di 45 anni abbandona definitivamente il suo ben avviato Studio medico di Londra  per recarsi in Galles e dedicarsi completamente ai fiori ed alla cura dei suoi malati. Pubblica sempre le sue scoperte perché è grande il suo desiderio di trasmettere a tutti la semplicità del suo metodo, per non influenzare nessuno butta tutti i suoi appunti .




Bach dedicò tutta la sua esistenza alla ricerca del metodo più naturale e più semplice per curare e debellare le sofferenze dell'uomo. Egli stesso nel suo percorso patì grandi dolori, ma queste esperienze lo portarono ad acuire la sua grandissima sensibilità.
Nel 1936, quando Bach pensa di aver finito il suo lavoro, si dedica ad organizzare delle conferenze, appunto per divulgare subito le sue scoperte, ma la vita lo lascia il 27 novembre 1936.



Torna ai contenuti